Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

WordPress è il sistema di gestione dei contenuti più dominante scritto in PHP, combinato con database MySQL o MariaDB. Puoi creare e mantenere un sito senza alcuna conoscenza preliminare dello sviluppo web o della codifica. La prima versione di WordPress è stata creata nel 2003 da Matt Mullenweg e Mike Little ed è ora utilizzata dal 70% del mercato web noto, secondo W3Tech. WordPress è disponibile in due versioni: l'open source gratuito WordPress.org che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana WordPress.com, un servizio a pagamento che parte da $ 5 al mese fino a $ 59. L'utilizzo di questo sistema di gestione dei contenuti è facile e spesso visto come un trampolino di lancio per creare un blog o un sito simile in primo piano.

Nel seguente tutorial imparerai come installare WordPress self-hosted utilizzando le ultime versioni di Nginx, MariaDB e PHP disponibili.

Prerequisiti

  • Sistema operativo consigliato: Rocky Linux 8.+.
  • Account utente: Un account utente con accesso sudo o root.

Aggiorna il sistema operativo

Aggiorna il tuo Rocky linux sistema operativo per assicurarsi che tutti i pacchetti esistenti siano aggiornati:

sudo dnf upgrade --refresh -y

Il tutorial utilizzerà il comando sudo che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana supponendo che tu abbia lo stato di sudo.

Per verificare lo stato di sudo sul tuo account:

sudo whoami

Esempio di output che mostra lo stato di sudo:

[joshua@rockylinux ~]$ sudo whoami
root

Per configurare un account sudo esistente o nuovo, visita il nostro tutorial su Come aggiungere un utente a Sudoers su Rocky Linux.

Per utilizzare l' account di root, usa il seguente comando con la password di root per accedere.

su

Installa il pacchetto CURL e UNZIP

Il tutorial utilizza il comando curl e decomprimere durante alcune parti. Per assicurarti che sia installato, esegui il seguente comando nel tuo terminale:

sudo dnf install curl unzip -y

pubblicità


Installa Nginx – (Stack LEMP)

Opzionale. Cambia il flusso della versione di Nginx in EPEL

Per avviare l'installazione dello stack LEMP, è necessario installare il Nginx server web. Il tutorial mostrerebbe la scelta facoltativa di quale flusso Nginx installare, il che è utile se hai installato il repository EPEL.

Innanzitutto, elenca i profili Nginx disponibili utilizzando il pulsante comando elenco moduli dnf nel tuo terminale:

sudo dnf module list nginx

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Poiché il tutorial si concentra sull'utilizzo della versione EPEL, verrà selezionata la linea principale di Nginx. Ma prima, devi ripristinare i moduli Nginx per cambiare.

sudo dnf module reset nginx

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Digita "Y", quindi premere "TASTO INVIO" per procedere con il ripristino dell'elenco dei moduli.

Quindi, abilita il modulo Nginx che preferisci. Per il tutorial, verrà scelto EPEL e se si desidera utilizzare Nginx mainline, si inserirà "nginx:mainline", se preferisci la versione stabile, allora sarebbe “nginx.1:20”.

Per installare la linea principale EPEL:

sudo dnf module enable nginx:mainline

Per installare EPEL stabile:

sudo dnf module enable nginx:1.20

Installa Nginx

Ora è il momento di installare Nginx come parte dell'installazione di LEMP. Sia che tu abbia installato EPEL e utilizzi una build Nginx basata su quel repository o utilizzi l'impostazione predefinita Rocky Linux 8 App stream, i comandi saranno gli stessi; solo alcuni degli output che sono solo di esempio differiranno.

Per installare Nginx, usa il seguente comando nel tuo terminale:

sudo dnf install nginx

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Digita "Y", quindi premere "TASTO INVIO" per procedere con l'installazione.

Conferma l'installazione controllando la versione build:

nginx -v

Esempio di output:

nginx version: nginx/1.14.1

Per impostazione predefinita, quando si installa Nginx su Rocky Linux, non è abilitato. Per abilitare all'avvio e all'avvio, utilizzare quanto segue:

sudo systemctl enable nginx --now

Esempio di abilitazione riuscita (collegamento simbolico):

Created symlink /etc/systemd/system/multi-user.target.wants/nginx.service → /usr/lib/systemd/system/nginx.service.

Ora, controlla lo stato del tuo servizio Nginx con il seguente comando da terminale:

systemctl status nginx

Esempio di output che dice che è tutto ok:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Ora puoi confermare che il tuo server web Nginx è operativo inserendo HTTP://ip-server or HTTP://nome-dominio nel tuo browser Internet e dovresti ottenere quanto segue:

Come installare phpBB con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Se non è possibile accedere a questa pagina, potrebbe essere necessario configurare le impostazioni del firewall trattate nella sezione successiva.

Configura le regole del firewall

Non aggiunge automaticamente le regole del firewall alle porte standard 80 o 443 durante l'installazione di Nginx. Prima di continuare, dovresti impostare le seguenti regole, questo dipenderà dalle porte che utilizzerai, ma tutte le opzioni sono elencate.

Apri la porta 80 o HTTP:

sudo firewall-cmd --permanent --zone=public --add-service=http

Apri la porta 443 o HTTPS:

sudo firewall-cmd --permanent --zone=public --add-service=https

Ricarica il firewall per rendere effettive le modifiche

sudo firewall-cmd --reload

pubblicità


Installa MariaDB (LEMP STACK)

Opzionale. Passa a MariaDB 10.5

Il flusso dell'app Rocky Linux per impostazione predefinita installa MariaDB 10.3, una versione precedente ma incredibilmente stabile. Tuttavia, l'ultima build di MariaDB al momento di questo tutorial che è classificata come una versione stabile è MariaDB 10.6.4. Come puoi immaginare, la differenza è piuttosto significativa; tuttavia, poiché la maggior parte degli utenti di Rocky Linux preferisce utilizzare la stabilità rispetto all'avanguardia, una soluzione sarà utilizzare MariaDB 10.5 che è più recente e allo stesso tempo è incredibilmente stabile e continua a ricevere correzioni di bug e aggiornamenti di sicurezza.

Innanzitutto, ripristina l'elenco dei moduli MariaDB:

sudo dnf module reset mariadb

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Digita "Y", quindi premere "TASTO INVIO" per procedere con il reset del modulo.

Quindi, abilita MariaDB 10.5 come fonte primaria durante l'installazione di MariaDB.

sudo dnf module enable mariadb:10.5

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Digita "Y", quindi premere "TASTO INVIO" per procedere con il modulo passare a MariaDB 10.5.

Installa MariaDB

Ora è il momento di installare MariaDB; a seconda della versione scelta, gli output potrebbero essere diversi, ma i comandi saranno esattamente gli stessi.

sudo dnf install mariadb-server mariadb

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Digita "Y", quindi premere "TASTO INVIO" per procedere con l'installazione.

Per confermare l'installazione di MariaDB e per verificare quale build è installata, digita il seguente comando:

mysql --version

Esempio di output:

mysql  Ver 15.1 Distrib 10.5.9-MariaDB, for Linux (x86_64) using  EditLine wrapper

Controlla lo stato del server MariaDB

Ora hai installato MariaDB e puoi verificare lo stato del software del database utilizzando il seguente comando systemctl:

systemctl status mariadb

Per impostazione predefinita, lo stato di MariaDB sarà disattivato. Per avviare MariaDB, usa il seguente comando:

sudo systemctl enable mariadb --now

Ora ricontrolla lo stato e dovresti ottenere quanto segue:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Per fermare MariaDB:

sudo systemctl stop mariadb

Per abilitare MariaDB all'avvio del sistema:

sudo systemctl enable mariadb

Per disabilitare MariaDB all'avvio del sistema:

sudo systemctl disable mariadb

Per riavviare il servizio MariaDB:

sudo systemctl restart mariadb

Proteggi MariaDB con Security Script

Durante l'installazione MariaDB le nuove impostazioni predefinite sono considerate deboli dalla maggior parte degli standard e destano preoccupazione per la possibilità di consentire intrusioni o sfruttare gli hacker. Una soluzione consiste nell'eseguire lo script di sicurezza dell'installazione fornito con il MariaDB installazione.

Innanzitutto, usa il seguente comando per avviare il (mysql_secure_installation):

sudo mysql_secure_installation

Successivamente, ti verrà dato un prompt che ti chiederà di inserire la tua (password di root MariaDB). Per ora, premi il tasto (ACCEDERE) key poiché la password di root non è ancora impostata come di seguito:

Quindi, digita (Y) e premere invio per impostare il (Root) password come di seguito:

La prossima serie di domande che puoi tranquillamente colpire (ACCEDERE), che risponderà (Y) a tutte le successive domande che ti chiedono (rimuovere gli utenti anonimi, disabilitare l'accesso root remoto e rimuovere il database di prova). Notare la (Y) è in maiuscolo, il che significa che è la risposta predefinita quando si preme il tasto (ACCEDERE) chiave.

Esempio di seguito:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Panoramica di ciò che avrebbe dovuto essere fatto sopra:

  • Impostazione della password per radice conti.
  • Rimozione degli account root accessibili dall'esterno dell'host locale.
  • Rimozione di account utente anonimo.
  • Rimozione del database di prova, a cui per impostazione predefinita possono accedere utenti anonimi.

Questo passaggio è essenziale per la sicurezza del database MariaDB e non deve essere modificato o saltato a meno che tu non sappia cosa stai facendo.

Installa PHP e PHP-FPM (STACK LEMP)

Opzionale. Importa repository PHP 8.0

L'ultima parte da installare nella tua installazione LEMP è PHP. Dovrai installare (PHP-FPM) che è l'abbreviazione di (Responsabile Processo FastCGI). Si consiglia vivamente l'installazione di PHP (Remi) deposito. Per chi non lo sapesse, Remi è il manutentore delle versioni PHP della famiglia Rhel.

Per il tutorial, installeremo il più recente PHP 8.0. Tuttavia, va notato che mentre WordPress funziona bene con PHP 8.0 e versioni successive, alcuni dei plug-in potrebbero riscontrare problemi, quindi assicurati di installare solo plug-in attivi e aggiornati che dovrebbero essere lo standard in qualsiasi CMS. Se riscontri problemi, disinstalla PHP 8.0 e usa PHP 7.4.

Per installare PHP dal repository di Remi, dovrai aver installato il repository EPEL all'inizio del tutorial. Per impostazione predefinita, PHP 7.2 è la scelta PHP predefinita per l'installazione standard su Rocky Linux. Un consiglio veloce è usare il (lista php) comando per vedere le opzioni disponibili e il default.

enable (Archivio Remi) con i seguenti:

sudo dnf install dnf-utils http://rpms.remirepo.net/enterprise/remi-release-8.rpm

Di nuovo come output di esempio, digita (Y) ed entra per procedere:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Quindi, usa il (dnf) comando per aggiornare l'elenco dei repository:

sudo dnf update

Ora elenca i moduli disponibili per PHP utilizzando il seguente comando:

sudo dnf module list php

Otterrai il seguente output come di seguito. Notare la (D) tag per l'installazione di PHP predefinito:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Come puoi vedere sopra, il file (D) tag è accanto a PHP 7.2, che dovrai reimpostare e modificare per installare PHP 8.0 su Rocky Linux.

Reimpostare l'elenco PHP è facile con il seguente comando:

sudo dnf module list reset php

Quindi, abilita PHP 8.0 con il seguente comando:

sudo dnf module enable php:remi-8.0 

Nota, tu può abilitare PHP-7.4 seguendo il comando di ripristino del modulo dnf e usando il dnf abilita invece il comando php:remi-7.4. Scegliere il versione richiesta per l'applicazione, e questo era solo un esempio di avere l'ultima versione PHP di qualunque scelta PHP tu decida.

Installa PHP e PHP-FPM

Successivamente, installa PHP sul tuo server; a seconda della versione di PHP, gli output avranno un aspetto diverso; tuttavia, i comandi rimangono gli stessi.

sudo dnf install php

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Digita "Y", quindi premere "TASTO INVIO" per procedere con l'installazione. Nota, potrebbe esserti richiesto di digitare "Y."

Verifica l'installazione e controlla la versione e la build:

php -v

Esempio di output:

PHP 8.0.11 (cli) (built: Sep 21 2021 17:07:44) ( NTS gcc x86_64 )
Copyright (c) The PHP Group
Zend Engine v4.0.11, Copyright (c) Zend Technologies
    with Zend OPcache v8.0.11, Copyright (c), by Zend Technologies

Ora, per impostazione predefinita, PHP-FPM è disattivato e non abilitato all'avvio. Per abilitare all'avvio e avviare il servizio, utilizzare quanto segue comandi systemctl:

sudo systemctl enable php-fpm --now

Per confermare che PHP-FPM è ora in esecuzione, usa quanto segue comando systemctl:

Esempio di output:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Ricorda, non è necessario utilizzare PHP 8.0, fare qualche ricerca se non sei sicuro o, meglio ancora, chiedere nei forum della community di WordPress, che funziona meglio attualmente; tuttavia, il processo è lo stesso insieme ai comandi per utilizzare la versione predefinita o altre versioni alternative nell'elenco dei moduli dnf.

Ora che LEMP è configurato, procedi con l'installazione di WordPress.


pubblicità


Parte 1. Installa il backend di WordPress

Scarica WordPress

Visita WordPress.org pagina di download e scorri verso il basso fino a trovare il "ultime.zip" Link per scaricare. Se stai ospitando da un desktop, puoi scaricarlo manualmente o utilizzare il comando wget per scaricare il tuo desktop.

wget https://wordpress.org/latest.zip

Crea una struttura di cartelle per WordPress

Ora che hai scaricato l'archivio, procedi a decomprimerlo e spostarlo nel tuo elenco www.

Crea la directory per WordPress:

sudo mkdir -p /var/www/html/wordpress

Decomprimi WordPress nella directory www:

sudo unzip latest.zip -d /var/www/html/

Devi impostare il permessi del proprietario della directory su WWW, altrimenti avrai problemi con i permessi di scrittura di WordPress.

Imposta il permesso chown (importante):

sudo chown -R www-data:www-data /var/www/html/wordpress/

Imposta il permesso chmod (importante):

sudo find /var/www/html/wordpress -type d -exec chmod 755 {} \;
sudo find /var/www/html/wordpress -type f -exec chmod 644 {} \;

Crea database per WordPress

WordPress richiede l'esecuzione di un database, quindi è stato necessario installare MariaDB. Prima di continuare, devi creare un database per WordPress usando MariaDB. Innanzitutto, apri la console del terminale e digita quanto segue.

Avvia la shell MariaDB come root:

sudo mariadb -u root

Secondo comando alternativo:

sudo mysql -u root

Quindi, crea il database. Questo può essere qualsiasi nome tu voglia. Per la guida, la chiamerai “WORDPRESSDB.”

Crea database WordPress:

CREATE DATABASE WORDPRESSDB;

Dopo che il database è stato creato, dovresti creare un nuovo utente per il nuovo sito WordPress.

Questo viene fatto come misura di sicurezza, quindi ogni database ha un utente diverso. Se un nome utente viene compromesso, l'attaccante non accede a tutti i database dell'altro sito web.

Crea l'utente del database WordPress:

CREATE USER 'WPUSER'@localhost IDENTIFIED BY 'PASSWORD';

Sostituisci WPUSER e PASSWORD con qualsiasi nome utente o password desideri. Non copiare e incollare l'utente/pass predefinito sopra per motivi di sicurezza.

Ora assegna l'accesso utente appena creato al database del sito Web WordPress solo come indicato di seguito.

Assegna il database all'account utente WordPress creato:

GRANT ALL PRIVILEGES ON WORDPRESSDB.* TO WPUSER@localhost IDENTIFIED BY 'PASSWORD';

Con tutte le impostazioni di configurazione del database complete, è necessario svuotare i privilegi per avere effetto e uscire.

Privilegi di svuotamento per apportare modifiche in tempo reale:

FLUSH PRIVILEGES;

Esci da MariaDB:

EXIT;

Imposta i file di configurazione di WordPress

È necessario impostare alcune impostazioni nel "wp-config-sample.php" file. Di seguito, vedrai come rinominare il file di esempio e inserire le informazioni richieste.

Innanzitutto, rinomina il file di configurazione.

Vai alla directory di WordPress:

cd /var/www/html/wordpress/

Rinomina file di configurazione:

sudo mv wp-config-sample.php wp-config.php

Ora, utilizzando un editor di testo, richiama il file wp-config.php appena rinominato. Nel nostro esempio, useremo nano.

sudo nano wp-config.php

Successivamente, inserirai il nome del database, l'account utente con una password, l'indirizzo IP dell'host se diverso da localhost.

// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
/** The name of the database for WordPress */ 
define( 'DB_NAME', 'wordpressdb' );
/* MySQL database username */ 
define( 'DB_USER', 'wpuser1' );
/* MySQL database password */
define( 'DB_PASSWORD', 'YOUR PASSWORD' );
/* MySQL hostname, change the IP here if external DB set up */ 
define( 'DB_HOST', 'localhost' );
/* Database Charset to use in creating database tables. */
define( 'DB_CHARSET', 'utf8' );
/* The Database Collate type. Don't change this if in doubt. */
define( 'DB_COLLATE', '' );

Mentre sei in questo file, l'aggiunta di impostazioni extra renderà il tuo WordPress più facile da gestire, come il salvataggio diretto dei file invece di utilizzare FTP e l'aumento dei limiti di dimensione della memoria.

##Save files direct method##
 define( 'FS_METHOD', 'direct' );

##Increase memory limit, 256MB is recommended##
 define('WP_MEMORY_LIMIT', '256M');

##change Wordpress database table prefix if wanted##
 $table_prefix = 'wp_';

Imposta le chiavi di sicurezza Salt di WordPress

Sarebbe meglio se visitassi l'API della chiave segreta di WordPress per generarne una tua. L'indirizzo del generatore di chiavi salt può essere trovato su https://api.wordpress.org/secret-key/1.1/salt/. Sostituisci le righe di esempio con i codici del generatore.

NON COPIARE L'ESEMPIO SOTTOSTANTE ED È SOLO PER RIFERIMENTO.

define('AUTH_KEY',         '<3yfS7/>%m.Tl^8Wx-Y8-|T77WRK[p>(PtH6V]Dl69^<8|K86[_Z},+THZ25+nJG');
define('SECURE_AUTH_KEY',  'bN#Qy#ChBX#Y`PE/_0N42zxgLD|5XpU[mu.n&:t4q~hg<UP/b8+xFTly_b}f]M;!');
define('LOGGED_IN_KEY',    'owpvIO-+WLG|,1)CQl*%gP1uDp}s(jUbYQ[Wm){O(x@sJ#T}tOTP&UOfk|wYsj5$');
define('NONCE_KEY',        '8=Vh|V{D<>`CLoP0$H!Z3gEqf@])){L+6eGi`GAjV(Mu0YULL@sagx&cgb.QVCbi');
define('AUTH_SALT',        '%TX*X$GE-;|?<-^(+K1Un!_Y<hk-Ne2;&{c[-v!{q4&OiJjQon /SHcc/:MB}y#(');
define('SECURE_AUTH_SALT', '=zkDT_%}J4ivjjN+F}:A+s6e64[^uQ<qNO]TfHS>G0elz2B~7Nk.vRcL00cJoo7*');
define('LOGGED_IN_SALT',   '{$-o_ull4|qQ?f=8vP>Vvq8~v>g(2w12`h65ztPM(xo!Fr()5xrqy^k[E~TwI!xn');
define('NONCE_SALT',       'a1G(Q|X`eX$p%6>K:Cba!]/5MAqX+L<A4yU_&CI)*w+#ZB+*yK*u-|]X_9V;:++6');

Configurazione del blocco del server Nginx

Ora sei quasi pronto per installare WordPress tramite l'interfaccia utente web. Tuttavia, è necessario configurare il blocco del server Nginx. Le impostazioni di seguito sono piuttosto cruciali. Va notato per sottolineare l'importanza di "try_files $uri $uri/ /index.php?$args;" poiché è spesso un problema con altri tutorial che lasciano il finale ?$args lasciato fuori, dandoti i principali problemi di salute del sito arriva all'API REST di WordPress.

Innanzitutto, crea un nuovo file di configurazione del server con il seguente comando sostituendo l'esempio con il tuo nome di dominio,

sudo nano /etc/nginx/sites-available/example.com.conf

Di seguito è riportato un esempio; puoi scegliere le parti; in ogni caso, il “posizione ~ \.php$” deve essere nel file di configurazione di Nginx.

NOTA: assicurati di modificare www.example.com ed example.com e il percorso di root.

server {

  listen 80;
  listen [::]:80;
  server_name www.example.com example.com;

  root /var/www/html/wordpress;

  index index.php index.html index.htm index.nginx-debian.html;

  location / {
  try_files $uri $uri/ /index.php?$args;
 }

  location ~* /wp-sitemap.*\.xml {
    try_files $uri $uri/ /index.php$is_args$args;
  }

  client_max_body_size 100M;

	# Pass the php scripts to FastCGI server specified in upstream declaration.
 location ~ \.php(/|$) {
   include fastcgi.conf;
   fastcgi_pass unix:/run/php-fpm/www.sock;
   fastcgi_split_path_info ^(.+\.php)(/.*)$;
   fastcgi_param PATH_INFO $fastcgi_path_info;
   fastcgi_param SCRIPT_FILENAME $realpath_root$fastcgi_script_name;
   fastcgi_param DOCUMENT_ROOT $realpath_root;
   try_files $uri $uri/ /app.php$is_args$args;
   fastcgi_intercept_errors on;	
 }

 gzip on; 
 gzip_comp_level 6;
 gzip_min_length 1000;
 gzip_proxied any;
 gzip_disable "msie6";
 gzip_types
     application/atom+xml
     application/geo+json
     application/javascript
     application/x-javascript
     application/json
     application/ld+json
     application/manifest+json
     application/rdf+xml
     application/rss+xml
     application/xhtml+xml
     application/xml
     font/eot
     font/otf
     font/ttf
     image/svg+xml
     text/css
     text/javascript
     text/plain
     text/xml;

  # assets, media
  location ~* \.(?:css(\.map)?|js(\.map)?|jpe?g|png|gif|ico|cur|heic|webp|tiff?|mp3|m4a|aac|ogg|midi?|wav|mp4|mov|webm|mpe?g|avi|ogv|flv|wmv)$ {
      expires    90d;
      access_log off;
  }
  
  # svg, fonts
  location ~* \.(?:svgz?|ttf|ttc|otf|eot|woff2?)$ {
      add_header Access-Control-Allow-Origin "*";
      expires    90d;
      access_log off;
  }

  location ~ /\.ht {
      access_log off;
      log_not_found off;
      deny all;
  }
}

Nota, se stai usando PHP 8.0 trova e sostituisci la riga sopra “fastcgi_pass unix:/run/php/php7.4-fpm.sock;” a “fastcgi_pass unix:/run/php/php8.0-fpm.sock;”.

Successivamente, dovrai abilitare il file di configurazione di Nginx da "siti disponibili". Per fare ciò, creerai un collegamento simbolico a "siti abilitati" come segue.

sudo ln -s /etc/nginx/sites-available/example.conf /etc/nginx/sites-enabled/

Assicurati di sostituire "esempio. conf" con il nome del file di configurazione.

Ora puoi eseguire una corsa a secco, quindi riavviare il server Nginx se tutto è ok.

sudo nginx -t

Dopo aver verificato e tutto è ok con il test di funzionamento a secco Nginx, riavviare il servizio Nginx.

sudo systemctl restart nginx

Configurazione PHP.ini

Per installare WordPress con successo e farlo funzionare anche in futuro, dovresti aumentare alcune opzioni nel file di configurazione php.ini.

Innanzitutto, apri il file php.ini:

sudo nano /etc/php.ini

Successivamente, troverai le impostazioni consigliate per funzionare con la maggior parte delle installazioni di WordPress, modificale in base alle tue esigenze per adattarle all'hardware e alle risorse del tuo server.

Dovrai individuare le impostazioni e le linee e modificarle come segue:

max_execution_time = 180 (located on line 338)
max_input_time = 90 (located on line 398)
memory_limit = 256M (located on line 409)
upload_max_filesize = 64M (located on line 846)

Facoltativo, alcune impostazioni di sicurezza aumentate, questo può essere saltato:

cgi.fix_pathinfo=0 
session.use_strict_mode = 1
session.use_cookies = 1
session.cookie_secure = 1
session.use_only_cookies = 1
session.name = LCCookies (Change the name, example: POPme)
session.cookie_lifetime = 0
session.cookie_path = /
session.cookie_domain = example.com (example only)
session.cookie_httponly = 1
session.cookie_samesite = Strict

Una volta fatto, CTRL + O per salvare allora CTRL + X per uscire dal file.

A differenza delle installazioni LEMP su Debian/Ubuntu che utilizzano il (www-dati) utente, questo non è il caso delle installazioni Rhel/Rocky Linux. Per impostazione predefinita su Rocky Linux, il servizio PHP-FPM è progettato per essere eseguito (Apache) user, che non è corretto poiché stiamo usando Nginx e questo doveva essere corretto.

Innanzitutto, apri seguendo (www.conf) file di configurazione:

sudo nano /etc/php-fpm.d/www.conf

Quindi, sostituire il (Apache) utente e gruppo con il (Nginx) utente e gruppo:

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Per salvare, premere (CTRL+O) poi esci (CTRL+X).

Sarà necessario riavviare PHP affinché le modifiche siano attive:

sudo systemctl restart php-fpm

Apri il tuo blocco server:

sudo nano /etc/nginx/sites-available/example.com

Regola questa linea per aumentare le dimensioni del corpo:

client_max_body_size 100M;

Ricorda, mantieni la dimensione massima del cliente uguale alla tua impostazione file PHP dimensione massima.

Quindi, prova le modifiche, quindi riavvia il tuo server Nginx se tutto è ok.

sudo nginx -t

Esempio di output se tutto funziona correttamente:

nginx: the configuration file /etc/nginx/nginx.conf syntax is ok
nginx: configuration file /etc/nginx/nginx.conf test is successful

Dopo aver verificato e tutto è ok con il test di funzionamento a secco Nginx, riavviare il servizio Nginx.

sudo systemctl restart nginx

pubblicità


Parte 2. Installa WordPress Frontend

Ora che tutte le impostazioni e la configurazione del backend sono complete, puoi andare al tuo dominio e iniziare l'installazione.

##go to installation address##
 https://www.yoursite.com
##alternative url##
 https://www.yoursite.com/wp-admin/install.php

La prima pagina che vedrai è la creazione di un nome utente e una password insieme ad alcuni dettagli del sito. Questo sarà il tuo futuro account di accesso amministratore. Puoi cambiarlo anche in seguito.

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Se stai costruendo un sito web, abilitando “scoraggia fortemente i motori di ricerca dall'indicizzazione” impedisce a Google o Bing o qualsiasi altro "bot motore di ricerca buono / affidabile" dall'indicizzazione di un sito Web WIP. Una volta terminato, si passerà alla schermata successiva con un login.

Come installare WordPress con LEMP (Nginx, MariaDB e PHP) su Rocky Linux 8

Congratulazioni, hai installato con successo l'ultima versione di WordPress su Nginx con lo stack LEMP.

Proteggi Nginx con il certificato gratuito SSL di Let's Encrypt

Idealmente, vorresti eseguire il tuo Nginx su HTTPS utilizzando un certificato SSL. Il modo migliore per farlo è usare Criptiamo, un'autorità di certificazione gratuita, automatizzata e aperta gestita dal Internet Security Research Group (ISRG) senza scopo di lucro.

Innanzitutto, installa il EPEL repository e il mod_ssl pacchetto per pacchetti e sicurezza più aggiornati.

sudo dnf install epel-release mod_ssl -y

Quindi, installare il pacchetto certbot come segue:

sudo dnf install python3-certbot-nginx -y

Una volta installato, esegui il seguente comando per avviare la creazione del tuo certificato:

sudo certbot --nginx --agree-tos --redirect --hsts --staple-ocsp --email you@example.com -d forums.example.com

Questa è la configurazione ideale che include reindirizzamenti forzati HTTPS 301, intestazione Strict-Transport-Security e Stapling OCSP. Assicurati solo di adattare l'e-mail e il nome di dominio alle tue esigenze.

Ora il tuo URL sarà https://www.example.com invece di HTTP://www.esempio.com.

Nota, se usi il vecchio URL HTTP, reindirizzerà automaticamente a HTTPS.

Facoltativamente, puoi impostare un cron job per rinnovare automaticamente i certificati. Certbot offre uno script che lo fa automaticamente e puoi prima testare per assicurarti che tutto funzioni eseguendo una corsa a secco.

sudo certbot renew --dry-run

Se tutto funziona, apri la finestra di crontab utilizzando il seguente comando da terminale.

sudo crontab -e

Quindi, specifica l'ora in cui dovrebbe rinnovarsi automaticamente. Questo dovrebbe essere controllato almeno giornalmente e, se il certificato deve essere rinnovato, lo script non aggiornerà il certificato. Se hai bisogno di aiuto per trovare un buon momento per impostare, usa il crontab.guru strumento gratuito.

00 00 */1 * * /usr/sbin/certbot-auto renew

Risparmi (CTRL+O) poi esci (CTRL+X), e il cronjob verrà abilitato automaticamente.


pubblicità


Commenti e Conclusione

WordPress offre una fantastica capacità di creare siti Web rapidi con modelli e plug-in. Il negozio di plugin ospita un'enorme quantità di opzioni. Tuttavia, per sbloccare il pieno potenziale della maggior parte dei temi e dei componenti aggiuntivi, sono tutti paywall, ma la maggior parte sono convenienti.

L'hosting autonomo di WordPress è piuttosto divertente. Tuttavia, assicurarsi di tenere il passo con la sicurezza e l'aggiornamento è essenziale. WordPress è il CMS più preso di mira al mondo dagli aggressori e il tuo sito, nel suo primo giorno senza nemmeno essere elencato, verrà scansionato alla ricerca di exploit e inizieranno i tentativi di forza bruta.

Lascia un tuo commento